Il trattamento endovascolare dell’aorta toracica

Contenuto dell'articolo

Il trattamento endovascolare degli aneurismi dell’aorta toracica nasce come tecnica alternativa al trattamento chirurgico tradizionale di sostituzione dell’aorta in toracotomia sinistra.

L’intervento chirurgico tradizionale infatti è un intervento invasivo, impegnativo e rischioso, che consiste nella sostituzione della porzione di aorta toracica malata con un segmento protesico che viene manualmente suturato alle porzioni di aorta sana. Questo tipo di procedura richiede una estesa incisione toracotomica, l’esclusione del polmone sinistro dalla ventilazione e l’esclusione dal flusso ematico fisiologico del tratto di aorta malato, e quindi del midollo spinale dorsale da essa irrorato, per tutto il tempo necessario alla sostituzione dell’aorta aneurismatica con un segmento protesico. Questo rende ragione dei considerevoli rischi di complicanze anche gravi, come la paraplegia, che comporta questo tipo di intervento.

Nel 1994 il gruppo dell’Università di Stanford, in California, ha riportato la sua prima esperienza con l’utilizzo delle endoprotesi per il trattamento degli aneurismi dell’aorta toracica.

Questa tecnica chirurgica si è successivamente affermata in tutto il mondo e viene oggi regolarmente utilizzata in alcuni centri di alta specializzazione per il trattamento di tutte le patologie dell’aorta toracica, sia come tecnica alternativa nei pazienti ad alto rischio chirurgico, sia come tecnica di prima scelta.

Le endoprotesi sono protesi cilindriche costituite da un’anima metallica di nitinolo (una lega di nichel e titanio) e rivestite da tessuti sintetici come Dacron o Gore-tex, e sono disponibili in varie lunghezze e diametri prestabiliti.

La procedura endovascolare viene condotta da una equipe integrata di cardiochirurghi e medici radiologi in una sala operatoria convenzionale di cardiochirurgia e in anestesia generale; essa consiste nell’introdurre l’endoprotesi ripiegata su se stessa e montata su di un sistema tubolare di rilascio, nell’arteria femorale del paziente (o in altre sedi del suo albero circolatorio arterioso) attraverso una incisione inguinale di circa 10 cm; la protesi viene successivamente fatta avanzare nel sistema circolatorio sotto guida radioscopica ed ecografica, sino a raggiungere la posizione desiderata, dove viene aperta in pochi secondi raggiungendo le sue dimensioni prestabilite e andando a escludere dal flusso sanguigno il tratto di aorta malata.

La protesi viene scelta in base alla lunghezza di aorta da coprire e al diametro dell’aorta nativa immediatamente adiacente al tratto malato. Infatti viene utilizzata una protesi con diametro leggermente superiore a quello dell’aorta misurato nel punto in cui l’endoprotesi va ad ancorarsi, in maniera da ottenere un posizionamento stabile.

Queste misurazioni vengono effettuate sulla base di sofisticati test diagnostici pre-operatori come la TC multislice. Una volta eseguita l’intervento di posizionamento di endoprotesi, nell’anno successivo e per gli anni a venire il paziente dovrà sottoporsi a periodici controlli con angioTC per monitorare il posizionamento e il funzionamento dell’endoprotesi stessa.

Presso la Cardiochirurgia dell’Ospedale di Parma dal 1998 a oggi sono state eseguite 172 procedure endovascolari dell’aorta toracica, sia in regime di emergenza che di elezione, in una vasta gamma di patologie come gli aneurismi, le dissezioni e le rotture post-traumatiche dell’aorta.

In particolare la nostra struttura si distingue per alcune peculiarità in ambito endovascolare: l’esperienza chirurgica accumulata negli anni con il trattamento chirurgico convenzionale delle patologie vascolari maggiori, infatti, ci ha permesso di sviluppare e mettere a punto interventi combinati che prevedono tecniche chirurgiche tradizionali associate a procedure endovascolari, rendendo idonei a trattamento endoprotesico anche pazienti che, in assenza di questo supporto chirurgico, non lo sarebbero. Si effettuano infatti interventi di:

  • by-pass carotido-succlavi
  • debranching dell’arco aortico
  • aneurismectomie dell’aorta addominale
  • accessi iliaci e addominali

associati a posizionamento di endoprotesi toraciche in un’unica seduta.

Inoltre abbiamo accumulato un’esperienza considerevole a livello internazionale, grazie anche alla cooperazione con il Trauma center dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria, nel trattamento endoprotesico immediato dei pazienti politraumatizzati con rottura acuta dell’istmo aortico.

Bibliografia

  • B. Borrello, G. De Cicco, A. Agostinelli, G. Squarcia, F. Nicolini, C. Marcato, S. Saccani, P. Larini, C. Beghi, T. Gherli.Correzione endoluminale degli aneurismi aortici. Nostra esperienza. Acta Biomedica de “L’Ateneo Parmense” 2000; 71(5):155-158.
  • A.M. Budillon, S. Saccani, A. Agostinelli, F. Nicolini, G. De Cicco, L. Ballore, C. Beghi, D. Albertini, T. Gherli.Surgical repair of thoracic aortic aneurysms: results and complications. Acta Biomedica de “L’Ateneo Parmense” 2001; 72(1/2):33-43.
  • A. Agostinelli, S. Saccani, A.M. Budillon, F. Nicolini, C. Beghi, P. Larini, T. Gherli.Repair of coexistent infrarenal and thoracoabdominal aortic aneurysm: combined endovascular and open surgical procedure with visceral vessel relocation. J Thorac Cardiovasc Surg 2002;124:184-5.
  • S. Saccani, F. Nicolini, C. Beghi , C. Marcato, M. Uccelli, P. Larini, A.M. Budillon, A.Agostinelli, T. Gherli.Thoracic aortic stents: a combined solution for complex cases. Eur J Vasc Endovasc Surg 2002; 24:423-427.
  • S. Saccani, F. Nicolini, B. Borrello, A. Agostinelli, P. Larini, C. Marcato, T. Gherli.New Technologies for the treatment of type A aortic dissection: a case report. J Thorac Cardiovasc Surg. 2004; 127(6): 1821-3
  • S.Saccani, M. Busi, C. Fragnito, A. Agostinelli, B. Borrello, F. Nicolini, T. Gherli.Surgical repair and stent positioning for Type A aortic dissection: a step forward?. Ann Thorac Surg. 2005 may;79(5): 1761-3
  • G.Zoffoli, S.Saccani, P.Larini, A.Colli, T.Gherli.Endovascular treatment of traumatic aortic dissection and innominate artery psuedoaneurysm. J Trauma 2006;61829:447-50
  • A.Agostinelli, S.Saccani, B.Borrello, F.Nicolini, P.Larini, T.Gherli.Immediate endovascular treatment of blunt aortic injury: our therapeutic strategy. The Journal of Thoracic and Cardiovascular Surgery2006; 131: 1053-1057
Ultimo aggiornamento contenuti: 11/12/2018