Rosalia Aloe

Contenuto dell'articolo

Responsabile della Struttura semplice dipartimentale Biochimica ad elevata automazione e direttore f.f. della Diagnostica ematochimica del Dipartimento diagnostico dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma

Nata ad Amantea (Cosenza) nel 1955, si laurea in Scienze biologiche nel 1979 e si specializza in Microbiologia e Virologia con lode nel 1984, presso l’Università degli Studi di Parma.

Perfeziona la formazione con i corsi manageriali “Il laboratorio del laboratorio. Competenze per rinnovare ed eccellere”, “Il laboratorio del laboratorio 2.0: conoscenza, governo, vision” e “Network della Medicina di Laboratorio”, alla Bocconi, oltre che con il “Good Clinical Practice”, presso l’Università degli Studi di Parma.

Dal 1988 ha prestato servizio come biologo presso l’Unità Operativa Analisi chimico cliniche dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma con responsabilità sempre crescenti: dal 2002 al 2006, è titolare dell’incarico di alta specializzazione in biochimica clinica, dal 2006 al 2009, responsabile di Struttura semplice di biochimica clinica, e, dal 2009 a oggi è responsabile della Struttura semplice dipartimentale Biochimica ad elevata automazione, oltre ad essere direttore f.f. della Diagnostica ematochimica.

Dopo incarichi per gli insegnamenti di Fisica e biofisica per il corso per infermieri professionali  (1980-1984), di docenza presso la scuola di specializzazione in Biochimica clinica e Scuola di specializzazione in Gastroenterologia, all’Università degli Studi di Parma e come professore a contratto nelle Scuole di specializzazione in Patologia clinica e biochimica clinica, in Anatomia patologica e in Endocrinologia e malattie del metabolismo (2014-2017), oltre che di cultore della materia al Corso di Laurea in biologia e applicazioni biomediche all’Università degli Studi di Parma (2014-2015), è oggi membro del Comitato di indirizzo di Biologia e biotecnologia del Dipartimento di scienze chimiche della Vitae della Sostenibilità ambientale (dal 2017).

E’ biologo referente per le attività di laboratorio nelle sperimentazioni cliniche dell’unità di fase I della Azienda Ospedaliera-Universitaria di Parma, con incarico del direttore generale del 2016.

Ha oltre 100 pubblicazioni in extenso su riviste scientifiche indicizzate da PubMed, ISI e Scopus. E’ presidente della sezione discipline scientifiche di laboratorio biomedico (DSLB) dell’Emilia-Romagna e presidente della macro area nord, della Società italiana di Patologia clinica e Medicina di laboratorio (SIPMeL) e membro esterno del direttivo della European Ligand Assay Society (ELAS-Italia).

Ultimo aggiornamento contenuti: 13/09/2019