Nuove funzioni per il Fascicolo sanitario elettronico

Si può cambiare on line il medico di medicina generale e il pediatra, autocertificare la fascia di reddito, consultare il libretto sanitario

15/02/2018

Arrivano nuove funzioni per il Fascicolo sanitario elettronico, lo strumento che permette di raccogliere tutta la storia clinica e sanitaria di una persona – dai referti delle visite alle prescrizioni farmaceutiche – e di accedere on line a tanti servizi, come, ad esempio, la prenotazione e il pagamento di un esame.
I cittadini avranno tre ulteriori opportunità. Attraverso la funzione “Stampa del libretto sanitario” potranno consultare il proprio libretto, comprese le esenzioni riconosciute (per patologia o per condizione, quindi fascia di reddito o esenzioni specifiche previste per le zone colpite dal terremoto del 2012). Cambiare medico: cliccando su “Cambio del Medico di medicina generale e Pediatri di libera scelta” il sistema, verificata la disponibilità di posti, procede con la modifica richiesta. Infine, con la funzione “Autocertificazione della fascia di reddito”, si potrà effettuare o modificare l’autocertificazione del proprio reddito, e verificare la correttezza della registrazione mantenendo memoria dello storico. 

Funzionalità che possono essere utilizzate anche per il Fascicolo sanitario elettronico dei propri figli e di coloro di cui si è ricevuta la delega, come ad esempio un genitore anziano. E che sono state introdotte dall’assessorato regionale alle Politiche per la salute per semplificare ulteriormente le procedure di accesso alla sanità, permettendo ai cittadini di risparmiare tempo e di raccogliere in un unico posto, cioè sul web, tantissimi dati.
In Emilia-Romagna sono 424.834 i fascicoli attivati, così suddivisi per Azienda sanitaria: Bologna 136.305; Piacenza 14.151; Imola 23.024; Reggio Emilia 40.165; Parma 44.295; Ferrara 43.390; Modena 50.081; Romagna 73.423.
Rimane, tuttavia, uno strumento ancora poco sfruttato, nonostante la sua grande utilità sia per i medici sia per i cittadini, che con un semplice clic hanno a portata di mano – ovunque e con qualsiasi strumento, computer, tablet o smartphone – tutta la propria storia clinica, in forma protetta e riservata, o quella dei propri bambini, a partire dalla situazione vaccinale. E proprio per favorirne la conoscenza e la diffusione, nei mesi scorsi la Regione ha avviato una campagna di comunicazione pensata anche per i social media.  

Funzioni e servizi del Fascicolo
Contiene e raccoglie i propri documenti sanitari, che possono risalire fino al 2008: dati identificativi dell’assistito, forniti dall’Anagrafe regionale assistiti; referti di visite specialistiche (tra cui quelli relativi ad esami di laboratorio ed accertamenti radiologici consegnati esclusivamente on line, qualora il titolare abbia manifestato lo specifico consenso); verbali di pronto soccorso; lettere di dimissione da ricoveri in ospedali pubblici; bilanci di salute; prescrizioni specialistiche e farmaceutiche; buoni celiachia (per le Aziende Sanitarie che hanno già trasferito su Fascicolo sanitario elettronico la trasmissione dei buoni); immagini radiografiche; certificati vaccinali.
Attraverso il fascicolo è possibile, inoltre, accedere a numerosi servizi: prenotare, modificare e disdire l’appuntamento per esami e visite specialistiche; pagare i ticket sanitari; cambiare il medico di famiglia; inserire altri documenti sanitari cartacei, come referti di visite o esami effettuati in strutture private o precedenti all’attivazione, semplicemente caricandoli dopo averli scansionati o fotografati; consultare i tempi di attesa delle visite specialistiche.

Come attivarlo
Il Fascicolo sanitario elettronico è facoltativo e gratuito. Può essere attivato in qualsiasi momento da tutte le persone maggiorenni e iscritte al Servizio sanitario regionale – che hanno dunque scelto un medico o un pediatra di famiglia – e che hanno dato il proprio consenso formale all’inserimento dei propri dati. Si può essere delegati ad aprire o gestire il Fascicolo sanitario anche da un’altra persona, ad esempio un genitore anziano, e aprirlo per un figlio minorenne associandolo al proprio o a quello dell’altro genitore, fino al compimento dei 18 anni del bambino. Per attivarlo è necessario rivolgersi ad uno degli sportelli dedicati dell’Azienda Usl (dove attivarlo a Parma e provincia), dove un operatore abilitato verifica l’identità della persona e rilascia le credenziali, nel rispetto della privacy. Una volta attivato è possibile accedervi dal sito Internet www.fascicolo-sanitario.it utilizzando le proprie credenziali personali.
Per informazioni è disponibile anche il numero verde regionale 800.033.033 

Testamento biologico nel Fascicolo

La Regione Emilia-Romagna dice alla proposta di inserirlo nel Fascicolo sanitario elettronico. La disponibilità arriva dall’assessorato regionale alle Politiche per la salute, dove su questo tema è già stato messo in agenda per i prossimi giorni un incontro con la relatrice della legge sul fine vita per discutere di contenuti, modalità e tempi. L’obiettivo è proprio quello di dare ai cittadini dell’Emilia-Romagna che hanno già attivato il Fascicolo sanitario elettronico (sono oltre 424.800), o che hanno intenzione di farlo in futuro, la possibilità di inserire copia delle proprie disposizioni anticipate rispetto al trattamento sanitario, in previsione di un’eventuale incapacità futura.
Rendendo in questo modo disponibile e visionabile on line ai fiduciari autorizzati, assieme a tutta la propria storia sanitaria e clinica, anche questa volontà, ferma restando la possibilità di modificarla in qualsiasi momento, come peraltro già avviene nel caso della consegna delle proprie disposizioni in Comune.
L’introduzione del testamento biologico andrebbe a potenziare ulteriormente uno strumento che l’Emilia-Romagna è stata tre le prime Regioni ad introdurre, e che viene costantemente aggiornato, con lo scopo di semplificare sempre più le procedure di accesso alla sanità.

Cerca

  • Che cos'è

    Utile e facile da usare: semplifica il tuo rapporto con la Sanità.
    Il Fascicolo sanitario elettronico è come un cassetto dove è riposta e ordinata tutta la tua documentazione sanitaria.
    Ci entri solo tu e i medici che autorizzi. Puoi consultarlo ovunque tu sia (anche all’estero) e in qualsiasi momento (anche di notte) dal computer, dal tablet o dallo smartphone.
    Basta entrarci utilizzando le tue credenziali username e password.

  • Come attivarlo

    Il Fascicolo sanitario elettronico è gratuito.

    Devi essere maggiorenne e iscritto al Servizio sanitario regionale

    Si può aprire per un'altra persona: es. un genitore anziano con delega scritta o aprirlo per un figlio minorenne associandolo al proprio o a quello dell’altro genitore, fino al compimento dei 18 anni del figlio.

    Per attivarlo è necessario rivolgersi ad uno degli sportelli Ausl (consulta lo sportello più comodo), dove un operatore abilitato verifica l’identità della persona e rilascia le credenziali, nel rispetto della privacy.

    Usarlo è facile. Accedi al sito internet www.fascicolo-sanitario.it utilizzando le credenziali personali. Il sito è raggiungibile anche dall’home di ER Salute, il sito del Servizio sanitario regionale dell’Emilia-Romagna.

  • Testamento biologico

    La Regione Emilia Romagna dice  alla proposta di inserirlo nel Fascicolo sanitario elettronico. La disponibilità arriva dall’assessorato regionale alle Politiche per la salute, dove è già stato messo in agenda per i prossimi giorni un incontro con la relatrice della legge sul fine vita per discutere di contenuti, modalità e tempi. I cittadini dell’Emilia-Romagna avranno quindi la possibilità di inserire le proprie disposizioni anticipate rispetto al trattamento sanitario, in previsione di un’eventuale incapacità futura.

 
Ultimo aggiornamento contenuti: 19/03/2018
Per offrirti il miglior servizio possibile in questo sito utilizziamo i cookies, anche di terze parti a solo scopo statistico. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Ulteriori informazioni.