Stefano Gandolfi

Contenuto dell'articolo

Direttore della struttura complessa Oculistica (Dipartimento ad attività integrata Testa-collo) dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma

Stefano Gandolfi è nato a Parma nel 1959 e qui si è laureato in Medicina e chirurgia nel 1984 e specializzato in Oftalmologia nel 1988.

Nel 1985-89 è stato Visiting research fellow presso il Norwich Eye Reseacrh Group (U.E.A., Norwich, UK) e nel 1986 Gast-assistant artz presso la Uni-Augenklinik di Freiburg, Germania.

Nel dicembre 1989 vince il concorso per ricercatore universitario presso l’Istituto di Oftalmologia dell’Università di Parma diretto dal professor Maraini. Nel 1992 è Visiting Fellow presso la Lid Clinic, Moorfields Eye Hospital, Londra. Nel 2000 diventa professore associato presso l’Istituto di Oftalmologia dell’Università di Parma; nel luglio 2002 viene chiamato a ricoprire un posto di professore di prima fascia di Malattie dell’apparato visivo. Dal dicembre 2003 è direttore dell’Oculistica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma e, per l’Università di Parma: coordinatore della sezione di Oftalmologia del dipartimento di Scienze otorino-odonto-oftalmologiche e cervico facciali; presidente del corso di laurea specialistica in Ortottica e assitenza oftalmologica; direttore della scuola di specializzazione in Oftalmologia della facoltà di Medicina e chirurgia. Cariche tuttora ricoperte.

Il professor Gandolfi ha ricevuto numerosi rinoscimenti, tra i quali per due volte il primo premio della European Glaucoma Society (2000 e 2004). Nel 2011 gli è stata assegnata dalla Australian and New Zealand Glaucoma Group (Anzgig) la Lowe Medal , con relativa Lezione Magistrale “Lowe Lecture”, a Sydney.

Dal 2003 è delegato della European Glaucoma Society presso la World Glaucoma Association (già Association of the International Glaucoma Societies).

Dal Febbraio 2008 è membro eletto della Glaucoma Research Society.

Dal 2009 è componente del comitato scientifico della European Glaucoma Society.

Partecipa come socio fondatore al programma “Sight First” I del Lions Club International, 1992.

È stato Co-Editor delle Linee Guida della World Glaucoma Association su Reporting and Publishing of scientific data (2004); Co-editor della III edizione delle linee guida della European Glaucoma Society (dicembre 2008); Principal Investigator (2004-8) NIH-Contract Cataract Trial on Nutritional Supplementation, Bethesda, USA; Sub-investigator European Glaucoma Prevention Study (Egps); Sub-investigator (e coordinatore nazionale) Memantine Neuroprotection Trial, AGN 004, Irvine, USA; Co-finanziato dal MIUR come Unità “b” nell’ambito di  PRIN nel 2001 e 2009; responsabile scientifico del Progetto di modernizzazione RER Patologie oculari croniche: implementazione di linee guida e sviluppo di rete hub&spoke, 2010-12; membro del consiglio direttivo delle seguenti società: Associazione italiana per lo studio del glaucoma (Aisg), Società italiana di perimetria e imaging (Sipe), Società tosco-umbro-emiliano-marchigiana di Oftalmologia (Stuemo); membro delle seguenti società: Association for Research in vision and Ophthalmology (Arvo), American Academy of Ophthalmology, Società oftalmologica italiana.

Ha coordinato il testo multiautore Il glaucoma, 2005, Mattioli Ed. Ha coordinato il Quaderno SOI Glaucoma insieme a R. Carassa e S. Miglior (2002). Ha partecipato al Program Commitee del World Glaucoma congress per due mandati di seguito (Vienna (2005), Singapore (2007).

Ha collaborato come referee nelle seguenti riviste internazionali:
Inv. Ophthal.Vis.Sci., Ophthalmology, Curr.Eye Res., Graefe’s Arch. Ophthal., Arch. Ophthal., J.Glaucoma, Exp. Eye Res., Survey ophthal.

Nominato dalla Società oftalmologica italiana “esperto nazionale in Glaucoma”.

Ultimo aggiornamento contenuti: 22/01/2024