Ricovero

Il ricorso al ricovero nella struttura ospedaliera viene effettuato solo quando vi è effettiva e indispensabile necessità per il paziente di ricevere una costante e continuativa assistenza sanitaria ospedaliera.

  • Ricovero d’urgenza

Avviene tramite il Pronto soccorso, dove il paziente viene visitato dal medico che, se necessario e indifferibile, ne dispone il ricovero

  • Ricovero programmato

Può essere proposto dal medico curante o da uno specialista esterno o interno alla struttura ospedaliera. Presso ogni reparto è presente il registro dei ricoveri programmati. Il paziente viene avvisato telefonicamente dal personale nel momento in cui sarà possibile effettuare il ricovero

  • Ricovero in day hospital o day surgery

È un tipo di ricovero solo diurno finalizzato all’effettuazione di prestazioni a carattere diagnostico, chirurgico, terapeutico e riabilitativo

Documenti necessari

  • Richiesta di ricovero
  • Tessera sanitaria
  • Documento di riconoscimento
  • Codice fiscale

Che cosa portare in ospedale

È importante portare e consegnare al caposala al momento del ricovero lettere di dimissioni (in caso di ricoveri precedenti), accertamenti diagnostici (radiografie, esami ematici, ecc.) e informare il personale medico su farmaci assunti abitualmente, diete particolari, eventuali allergie.

È utile portare gli effetti personali di stretta necessità e gli oggetti da toilette: spazzolino da denti, dentifricio, pettine, sapone, rasoio, biancheria intima e relativi ricambi, pigiama, vestaglia, tovaglioli, asciugamani, calze e pantofole.

È invece meglio limitare al minimo il denaro ed evitare di portare con sé oggetti di valore.

Regole di comportamento

È assolutamente vietato fumare, per disposizione di legge e, soprattutto, per rispetto della salute propria e degli altri. In ospedale questa regola vale per tutti ed è estesa a tutti gli ambienti.

Nei reparti è consigliato moderare l’uso dei telefoni cellulari  per non disturbare i ricoverati e le attività; inoltre, è possibile che in alcune aree i telefoni cellulari non ricevano la line, a causa delle possibili interferenze delle onde elettromagnetiche emesse con le apparecchiature elettromedicali.

La visita medica e l’attività di assistenza infermieristica sono momenti fondamentali per il buon esito delle cure, è importante in questi momenti restare nella propria camera. Negli altri momenti, avvisati i sanitari e con il loro consenso, è possibile uscire dal reparto, rimanendo però nell’area ospedaliera. Per motivi eccezionali, il paziente può richiedere un permesso di uscita temporaneo, che verrà rilasciato dal medico di reparto solo se le condizioni cliniche lo consentono. Gli orari di uscita e di rientro riportati sul permesso devono essere rispettati.

Familiari e amici possono fare visita ai pazienti ricoverati, ma si consiglia di ricevere una persona per volta, rispettando gli orari che si trovano all’ingresso del reparto. Per ragioni sia psicologiche sia igieniche è sconsigliabile portare i bambini al di sotto dei 12 anni in ospedale.

Pasti

I pasti vengono distribuiti nei seguenti orari:

  • Colazione dalle 8.00 alle 9.00
  • Pranzo dalle 12.00 alle 13.00
  • Cena dalle 18.00 alle 19.00

Sono stati predisposti circa 50 menu e diete per dare la possibilità al paziente di scegliere tra varie opzioni la propria alimentazione, compatibilmente con le indicazioni fornite dal personale sanitario. È preferibile non integrare l’alimentazione offerta dall’ospedale con altro cibo e bevande provenienti dall’esterno. In casi particolari, laddove le condizioni del paziente lo richiedono, la dietista, dietro prescrizione medica, fornisce una dieta individuale.

Assistenza integrativa non sanitaria

L’Ospedale di Parma garantisce l’assistenza diretta ai pazienti con personale qualificato. In casi particolari, il medico e il caposala possono autorizzare la presenza oltre gli orari di visita di altre persone che prestino assistenza integrativa non sanitaria al paziente. Se volete avvalervi di questa possibilità vi consigliamo di leggere il nostro “Regolamento per l’esercizio dell’assistenza integrativa non sanitaria” scaricabile in formato pdf da questa pagina (a destra sotto la voce “Altre informazioni”).

Ristorazione, bevande e giornali

All’interno dell’area ospedaliera si trovano due bar con ristorante self-service:
“La piazzetta”
(ingresso ospedaliero più vicino: via Abbeveratoia; tel. 0521.985424), e “Camst Café” (Galleria dell’accoglienza, ingresso via Volturno; tel. 0521.703955).

I giornali vengono venduti direttamente, ogni mattina, in ciascun reparto dell’ospedale da una ditta autorizzata.

In tutti gli edifici si possono trovare distributori automatici di bevande calde e fredde e di acqua minerale.

Assistenza religiosa

Ogni persona ricoverata può ricevere assistenza religiosa. Culto cattolico: sacerdoti visitano quotidianamente i reparti; dentro l’ospedale si trovano la chiesa di San Francesco e la cappella San Pio da Pietrelcina.

Altre confessioni religiose: è possibile usufruire dell’assistenza religiosa chiedendo al caposala.

Il bambino ricoverato

Ai bambini ricoverati è garantita piena possibilità di gioco e di contatto con la vita di ogni giorno.

Per questo, è prestata un’attenzione particolare alla qualità della loro permanenza in ospedale e sono disponibili spazi per il gioco e le attività ricreative. Le attività assistenziali, di diagnosi e terapia sono integrate in una logica di lavoro di gruppo, in cui sono inserite anche la scuola e le attività ludico-espressive.

I bambini hanno diritto di avere accanto un genitore o una persona a cui siano legati dal punto di vista affettivo. L’accompagnatore ha diritto al pasto gratuito.

Cerca

 
Ultimo aggiornamento contenuti: 14/02/2017
Per offrirti il miglior servizio possibile in questo sito utilizziamo i cookies, anche di terze parti a solo scopo statistico. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. Ulteriori informazioni.